ART. 559 CUSTODIA DEI BENI PIGNORATI

I. Col pignoramento il debitore è costituito custode dei beni pignorati e di tutti gli accessori, compresi le pertinenze e i frutti, senza diritto a compenso.
II. Su istanza del creditore pignorante o di un creditore intervenuto, il giudice dell'esecuzione, sentito il debitore, può nominare custode una persona diversa dallo stesso debitore. Il giudice provvede a nominare una persona diversa quando l'immobile non sia occupato dal debitore (1).
III. Il giudice provvede alla sostituzione del custode in caso di inosservanza degli obblighi su di lui incombenti (2).
IV. Il giudice, se custode dei beni pignorati è il debitore e salvo che per la particolare natura degli stessi ritenga che la sostituzione non abbia utilità, dispone, al momento in cui pronuncia l'ordinanza con cui è autorizzata la vendita o disposta la delega delle relative operazioni, che custode dei beni medesimi sia la persona incaricata delle dette operazioni o l'istituto di cui al primo comma dell'articolo 534 (2).
V. Qualora tale istituto non sia disponibile o debba essere sostituito, è nominato custode altro soggetto (2).
VI. I provvedimenti di cui ai commi che precedono sono pronunciati con ordinanza non impugnabile (3).
________________
(1) Periodo aggiunto, in sede di conversione, dal d.l. 14 marzo 2005, n. 35, conv., con modif., in l. 14 maggio 2005, n. 80, con effetto dal 1 marzo 2006.
(2) Comma aggiunto, in sede di conversione, dal d.l. n. 35, cit., con effetto dal 1 marzo 2006.
(3) Comma aggiunto, in sede di conversione, dal d.l. n. 35, cit., come modificato dall'art. 13 lett. h) l. 28 dicembre 2005, n. 263, cit., con effetto dal 1 marzo 2006.