ART. 228 INTERESSE PRIVATO DEL CURATORE NEGLI ATTI DEL FALLIMENTO

I. Salvo che al fatto non siano applicabili gli artt. 315, 317, 318, 319, 321, 322 e 323 del codice penale, il curatore che prende interesse privato in qualsiasi atto del fallimento direttamente o per interposta persona o con atti simulati è punito con la reclusione da due a sei anni e con la multa non inferiore a euro 206.
II. La condanna importa l'interdizione dai pubblici uffici.